Foglie In Autunno 1140x641

Autunno.. tempo di legge di stabilità ….

E’ autunno, si appronta la manovra finanziaria (ora detta legge di stabilità), cadono le foglie, piove (finalmente), iniziano i primi freddi, si accende il riscaldamento,si sta più in casa.... insomma arrivano le febbri respiratorie con tosse, raffreddore, cefalea, qualcuno vomita … insomma le influenze.

Dico “le” influenze perchè la  vera influenza arriverà a breve e se si vuole evitarla, considerando impossibile che ognuno di noi, animali sociali per dovere o scelta, vada in un' isola deserta stile Robinson Crusoe, oltre a non fumare o non vivere fra fumatori, lavarsi bene le mani, fare una dieta nostrana, ergo mediterranea, l’unico vero modo è vaccinarsi.

influenza

Funziona ?
Si, al 70% nei minori, anche di più negli adulti, meno negli anziani, anche molto meno in chi è molto anziano.

Danni ? 
Quasi nessuno, banalità.

Costi ?
Qui il nostro amato ministero non c’azzecca …. Tutti gli anni emana una circolare che indica alle ASL chi vaccinare gratuitamente....gli altri si arrangino.
I colleghi romani del ministero dicono che occorre vaccinare certe categorie di individui, anziani ,certo i più a rischio, per loro vaccini adiuvati visto quanto scritto sopra, e poi altre categorie a rischio per patologia o status o lavoro a questi fornisce,tramite i MMG soprattutto, il vaccino gratis.

Ma,ripeto,ha senso?
Proviamo a capire intanto quanti sono i “privilegiati” con il pallottoliere …. 

pallottoliere 2.630x420Gli over 65, in Italia, fonte ISTAT, sono circa 12 milioni, poi le gestanti (purtroppo per noi pediatri “solo” 400.000), poi chi ha patologie croniche, ad esempio, gli asmatici sono 2 milioni e mezzo e i diabetici 3 milioni e settecentomila. Sempre l’ISTAT dice che i malati cronici sono oltre 25 milioni, una cifra enorme in cui vanno inseriti moltissimi over 65, (cito questo dato per darne una idea), poi dicono, che occorre vaccinare gratuitamente chi convive con soggetti a rischio. Vi sovviene qualche categoria?  Ebbene si: le badanti; molte non sono regolarizzate, ma si ipotizza siano oltre 850.000 … Poi ovviamente va vaccinato chi si occupa dei malati, ossia  medici e paramedici, circa 500.000 persone, poi le forze dell’ordine: militari (circa 250.000), vigili urbani (60.000), pompieri (30.000) e secondini (altri 38.000). Infine chi sta a contatto con gli alunni, quindi il corpo docente e non, circa 750.000, poi veterinari, addetti alla cura del bestiame…. Mi fermo qua.

Fatta una somma a occhio ?
Diciamo che secondo i colleghi del ministero dovremmo vaccinare, a stare stretti, oltre il 60% della popolazione italiana, ripeto a stare stretti.

Ma ha un senso?
Forse un senso l’ha, non abbiamo abbastanza vaccino per vaccinare nemmeno questo 60 % o meglio non lo ordiniamo neppure.

Ma ha un senso informativo e comunicativo ?
Le indicazioni per “categoria” (età, patologia ,status) hanno sempre fallito, lo affermava il prof Crovari, esimio cattedratico genovese, luminare delle conoscenze specie in tema di influenza; conviene,diceva, indicare la vaccinazione antinfluenzale utile per tutti, a qualcuno certamente di più (anziani, cronici) rispetto a altri, ma la differenza non può essere una indicazione o la sua gratuità, ma il livello di raccomandazione.
Da qui la necessità di fare un’offerta attiva (e gratuita) della vaccinazione, chiamando i pazienti da parte del curante, non appena c’è la disponibilità vaccinale, tramite le cartelle cliniche del software di studio che facilmente elenca quanto necessario per il contatto selezionato per età ,status o cronicità, ma lasciando a chiunque voglia prevenire la malattia la possibilità di farlo nell’interesse della comunità.

Ipil1nfatti lo sapete che una “bella “ influenza penalizza dello 0,1 – 0,2 % il Pil di una nazione, e sullo “zero,virgola” di PIL in più o in meno si decidono le sorti delle nostre anguste finanziarie.

 

Se questo i colleghi del ministero lo imparassero, o meglio, sapendolo, lo applicassero …
Vaccinatevi, anche per il vostro PIL personale familiare.

 

Conforti …amoci di Giorgio Conforti

 

Contatti

F.I.M.P
Federazione Italiana Medici Pediatri
Progetto B-Free

Via Parigi 11 scala A int. 105
00185 - ROMA
Tel. 06 44202575
Fax: 06 62204732
www.fimp.pro

Seguici

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinShare on Google+
Pin It