L43 Bingo Lotteria Lotterie 120216183218 Big1

Non può esistere la lotteria dei diritti e delle possibilità

Sono le parole del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Onorevole Maria Elena Boschi al convegno all’Istituto degli Innocenti di Firenze. “Tutti noi abbiamo il diritto ad avere le stesse opportunità. Il Governo deve cercare di far partire tutti dallo stesso punto”.

 

Il 20 novembre a Firenze si è tenuta l’iniziativa

"Bambini, d(i)ritti verso il futuro"

per celebrare l'anniversario dell'approvazione della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

IMG 1204 3 Ventotto anni fa, il 20 novembre 1989, veniva approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, 54 articoli in cui per la prima volta veniva messo nero su bianco l’impegno a proteggere tutti i bambini e tutte le bambine del mondo. Per celebrare questa ricorrenza si è tenuto all’Istituto degli Innocenti il convegno “Bambini, d(i)ritti verso il futuro” a cura del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio e dell’Istituto degli Innocenti.

Ho molto apprezzato l’intervento dell’On. Boschi la quale ha sostenuto: “tutti noi abbiamo il diritto ad avere le stesse opportunità, non può esistere la lotteria dei diritti e delle possibilità, occorre che siamo tutti allo stesso punto di partenza e il Governo deve cercare di far partire tutti dallo stesso punto”. Il sottosegretario ha poi detto che “i diritti dei bambini sono i diritti più importanti” e ha ricordato un proverbio dei nativi americani che dice: “L’unica cosa necessaria per la tranquillità del mondo è che ciascun bambino possa crescere felice. Dobbiamo pensare agli altri bambini che tutti i giorni vivono delle difficoltà: mancanza di acqua, cibo, vaccini per malattie gravi, difficoltà e disagio anche a completare il percorso di studi. Se siamo ambiziosi non possiamo sognare in piccolo nei diritti dei bambini, che sono i più importanti. Tutti noi abbiamo diritto di avere le stesse opportunità”. “Pensiamo all’importanza dei vaccini nei paesi in via di sviluppo, è importante, però non abbassare la guardia e continuare a vaccinare anche i bambini e le nostre bambine in Italia.

L’Onorevole si è soffermata sul problema dei vaccini facendo capire quanto siano importanti per tutti e come la cosa sia vissuta in modo drammatico laddove per mancanza di possibilità le malattie sono ancora presenti e le popolazioni si rendono ben conto di quanto sarebbe utile potersi vaccinare. Viene veramente da pensare che il vaccino sia un diritto e non un dovere e quanto sia paradossale il fatto che invece dalle nostre parti, per garantire la Salute pubblica si debba addirittura fare una legge che obblighi le vaccinazioni.

Interessante l’introduzione alla giornata nella quale ha ricordato come Firenze, che nel 400 era la più bella città del mondo, si fosse preoccupata dei diritti dei bambini fondando l’Istituto degli Innocenti e che avesse affidata la sua costruzione all’architetto più famoso di allora il Brunelleschi!

http://www.controradio.it/diritti-infanzia-boschi-no-lotteria-delle-possibilita-partire-tutti-stessa-linea/

La Convenzione sui diritti dell'infanzia

Fu approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. La Convenzione enuncia per la prima volta, in forma coerente, i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo. Essa prevede anche un meccanismo di controllo sull’operato degli Stati, che devono presentare a un Comitato indipendente un rapporto periodico sull’attuazione dei diritti dei bambini sul proprio territorio. La Convenzione è rapidamente divenuta il trattato in materia di diritti umani con il maggior numero di ratifiche da parte degli Stati. Ad oggi sono ben 196 gli Stati parti della Convenzione. E’ composta da 54 articoli e da tre Protocolli opzionali (sui bambini in guerra, sullo sfruttamento sessuale, sulla procedura per i reclami).

Principi fondamentali dei diritti dell'infanzia

Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza:

  1. Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minori, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.
  2. Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l'interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.
  3. Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino (art. 6): gli Stati decono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati. 
  4.  Ascolto delle opinioni del minore (art. 12): prevede il diritto dei bambini a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.
    Ora vi invito a guardare questo video sui diritti dei bambini:

    Sono le parole del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Onorevole Maria Elena Boschi al convegno all’Istituto degli Innocenti di Firenze. “Tutti noi abbiamo il diritto ad avere le stesse opportunità. Il Governo deve cercare di far partire tutti dallo stesso punto”

    Il 20 novembre a Firenze si è tenuta l’iniziativa

    "Bambini, d(i)ritti verso il futuro"

    per celebrare l'anniversario dell'approvazione della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

    Ventotto anni fa, il 20 novembre 1989, veniva approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, 54 articoli in cui per la prima volta veniva messo nero su bianco l’impegno a proteggere tutti i bambini e tutte le bambine del mondo. Per celebrare questa ricorrenza si è tenuto all’Istituto degli Innocenti il convegno “Bambini, d(i)ritti verso il futuro” a cura del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio e dell’Istituto degli Innocenti.

    Ho molto apprezzato l’intervento dell’On. Boschi la quale ha sostenuto: “tutti noi abbiamo il diritto ad avere le stesse opportunità, non può esistere la lotteria dei diritti e delle possibilità, occorre che siamo tutti allo stesso punto di partenza e il Governo deve cercare di far partire tutti dallo stesso punto”. Il sottosegretario ha poi detto che “i diritti dei bambini sono i diritti più importanti” e ha ricordato un proverbio dei nativi americani che dice: “L’unica cosa necessaria per la tranquillità del mondo è che ciascun bambino possa crescere felice. Dobbiamo pensare agli altri bambini che tutti i giorni vivono delle difficoltà: mancanza di acqua, cibo, vaccini per malattie gravi, difficoltà e disagio anche a completare il percorso di studi. Se siamo ambiziosi non possiamo sognare in piccolo nei diritti dei bambini, che sono i più importanti. Tutti noi abbiamo diritto di avere le stesse opportunità”. “Pensiamo all’importanza dei vaccini nei paesi in via di sviluppo, è importante, però non abbassare la guardia e continuare a vaccinare anche i bambini e le nostre bambine in Italia.”

    L’Onorevole si è soffermata sul problema dei vaccini facendo capire quanto siano importanti per tutti e come la cosa sia vissuta in modo drammatico laddove per mancanza di possibilità le malattie sono ancora presenti e le popolazioni si rendono ben conto di quanto sarebbe utile potersi vaccinare. Viene veramente da pensare che il vaccino sia un diritto e non un dovere e quanto sia paradossale il fatto che invece dalle nostre parti, per garantire la Salute pubblica si debba addirittura fare una legge che obblighi le vaccinazioni.

    Interessante l’introduzione alla giornata nella quale ha ricordato come Firenze, che nel 400 era la più bella città del mondo, si fosse preoccupata dei diritti dei bambini fondando l’Istituto degli Innocenti e che avesse affidata la sua costruzione all’architetto più famoso di allora il Brunelleschi!

     http://www.controradio.it/diritti-infanzia-boschi-no-lotteria-delle-possibilita-partire-tutti-stessa-linea/

    La Convenzione sui diritti dell'infanzia

     Fu approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. La Convenzione enuncia per la prima volta, in forma coerente, i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo. Essa prevede anche un meccanismo di controllo sull’operato degli Stati, che devono presentare a un Comitato indipendente un rapporto periodico sull’attuazione dei diritti dei bambini sul proprio territorio. La Convenzione è rapidamente divenuta il trattato in materia di diritti umani con il maggior numero di ratifiche da parte degli Stati. Ad oggi sono ben 196 gli Stati parti della Convenzione. E’ composta da 54 articoli e da tre Protocolli opzionali (sui bambini in guerra, sullo sfruttamento sessuale, sulla procedura per i reclami).

    Principi fondamentali dei diritti dell'infanzia

    Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza:

    1. a) Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minori, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.
    2. b) Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l'interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.
    3. c) Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino (art. 6): gli Stati decono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati.
    4. d) Ascolto delle opinioni del minore (art. 12): prevede il diritto dei bambini a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.

    Ora vi invito a guardare questo video sui diritti dei bambini:

VAI AL VIDEO  

Idee per regali di  Natale 

pacchi regalo natale 2016 g

A questo punto veniamo ai fatti…………………………..

Sarà possibile togliere qualcosa dalle spese per i Vostri regali di Natale e regalare una ricevuta di una donazione fatta a favore di bambini meno fortunati?

Noi non possiamo qui fare nominativi di nessuno a cui donare, ma se vi guardate intorno le possibilità di donazioni verso Associazioni serie, oneste e limpide, che negli anni hanno dimostrato di mantenere fede agli impegni presi sono molte! 

Vitali…zziamoci di Giovanni Vitali Rosati

 

Contatti

F.I.M.P
Federazione Italiana Medici Pediatri
Progetto B-Free

Via Parigi 11 scala A int. 105
00185 - ROMA
Tel. 06 44202575
Fax: 06 62204732
www.fimp.pro

Seguici

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinShare on Google+
Pin It