Lucy

Perché ha ragione Lucy a arrabbiarsi (talora…) e perché è bene (sempre) vaccinarsi contro la varicella

varicella2

 

E’ una delle frasi più infelici che ci tocca sentire.

Di solito rispondo che mio nonno aveva 11 fratelli e all’età adulta sono arrivati in 6, qualcuno morto in guerra,qualcuno di tifo, qualcuno di polmonite…. Insomma, la salute migliora, non certamente solo per i vaccini, ma se il progresso ci consente di diminuire le malattie perché,a rischi contenuti,non approfittarne?

vaeicella0

Certamente la varicella usualmente passa in modo poco grave nei bambini,specie se sono sani e non hanno immunodeficit e la propensione a vaccinarli,per i genitori,occupa un posto meno rilevante ma noi pediatri,che ne vediamo non poche, abbiamo un’altra opinione.

Ivaricella1nfatti nei bambini affetti da tumori, leucemie o HIV, non vaccinabili per la patologia di base,ha una mortalità del 7% così come nei soggetti che per necessità devono assumere alte dosi di cortisone o nei malati di fibrosi cistica.

Non pochi, visto che grazie alle cure degli specialisti,questi bambini nelle fasi di remissione possono frequentare scuole e asili e venire contagiati dai compagni.

Ma anche la mamma non immune che si ammala nei giorni precedenti al parto può trasmettere al neonato una forma disseminata con mortalità che raggiunge il 30%.

Potrei elencare altre complicazioni non necessariamente mortali come polmoniti, infezioni della cute o encefaliti con buone chance di guarigione ma anche con una mortalità del 5%, ma vorrei parlare invece di una conseguenza della varicella poco nota che è stata illustrata da una bravissima e giovane collega dell’istituto Gaslini a un recente convegno sui vaccini organizzato dalla Società Italiana di Pediatria Ligure un mese fa. I dati sono relativi alla casistica afferente all’ambulatorio “ictus in età pediatrica” (ha letto bene, ictus in età pediatrica…) negli ultimi dieci mesi del 2017.

gravidanzavaricella

varicella4Ebbene su 28 casi pediatrici presi in cura e provenienti da tutta Italia (il Gaslini ha un bacino di utenza nazionale) 10 erano causati da una infezione e di questi 3 da una infezione varicellosa contratta qualche tempo prima. Badate bene, nessuno di questi bambini aveva un immunodeficti o una malattia che abbassasse le difese immunitarie,erano tutti sani e ovviamente non vaccinati.

Altri 8 casi sono stati segnalati nei 10 anni precedenti allorquando forse l’attenzione dei pediatri (di altre realtà assistenziali) a una possibile causa infettiva era meno vivida.

L’ictus iniziava con i classici sintomi che penseremmo propri dell’anziano, emiparesi, afasia, convulsioni. Ecco la sintomatologia di esordio dei casi di ictus presentati al convegno SIP Liguria :

 varicella5

Posso aggiungere che esistono già pubblicazioni scientifiche che segnalano un deciso calo di questi casi con l’introduzione della vaccinazione antivaricella nei paesi dove la si pratica con larga diffusione.

varicella6

Spaventati ?

Non era mia intenzione, bensì volevo raccomandare a chi legge che far decidere “alla sorte” se un bambino si ammalerà o meno o se,ammalandosi, andrà o meno incontro a una complicazione,anche grave, per una malattia evitabile, non mi sembra scelta opportuna.

Rammentatelo, anzi aiutatemi, ogni volta che qualche altro genitore (o nonno….) dirà:

varicella ? ma l’abbiamo fatta tutti…

snocciolate i fatti di cui sopra, consapevoli che in quei fatti,in quelle cifre,poche o tante che siano,ci son bambini, bambini con un nome e un cognome e le loro famiglie.

Conforti ….amoci di Giorgio Conforti

Contatti

F.I.M.P
Federazione Italiana Medici Pediatri
Progetto B-Free

Via Parigi 11 scala A int. 105
00185 - ROMA
Tel. 06 44202575
Fax: 06 62204732
www.fimp.pro

Seguici

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinShare on Google+
Pin It