2mesi

Non è troppo presto iniziare le vaccinazioni a 2 mesi?

E' importante che i bambini vengano vaccinati il prima possibile così da proteggerli dalle infezioni quando sono maggiormente vulnerabili.

Le vaccinazioni si iniziano a 2 mesi compiuti (ossia durante il 3° mese, tra i 2 mesi compiuti e i 3 da compiere) per tre ragioni:

  1. a 2 mesi il sistema immunitario del bambino è già in grado di rispondere alla vaccinazione;
  2. ogni ritardo nell'inizio delle vaccinazioni prolunga il periodo in cui il bambino è suscettibile alle infezioni prevenibili con il vaccino;
  3. studi dimostrano che i vaccini somministrati nei bambini piccoli sono efficaci e sicuri: vi sono evidenze che bambini di 2 -3 -4 mesi vaccinati con la 1°dose, presentano perfino meno effetti indesiderati rispetto a bambini più grandi. "Studies show that the vaccine is effective and be safely given to small babies. In fact, there is evidence that babies given their first vaccines at 2, 3 and 4 months are even less likely to have side effects than older children" (dal sito inglese Nhs Immunisation Information).

Ritardare l'inizio delle vaccinazioni ha un prezzo: molte volte questo prezzo fortunatamente non viene mai pagato, e il bambino continua a star bene anche se le vaccinazioni sono ritardate. Ma talvolta il prezzo da pagare è alto. Per esempio, sappiamo che la pertosse nel lattante si manifesta costantemente in modo atipico, con crisi di apnea. Questo fatto rende la pertosse una malattia molto pericolosa specialmente nei primi mesi di vita. Uno studio sui bambini da 6 a 24 mesi ha dimostrato che il rischio di ospedalizzazione è 10 volte più alto nei bambini mai vaccinati contro la pertosse rispetto ai bambini parzialmente o completamente vaccinati.

Ci potrebbe poi chiedere perché per una malattia come l’epatite B (che si prende attraverso il sangue infetto e quindi o pungendosi con una siringa infetta, o con un ferro chirurgico non ben sterilizzato, o attraverso un rapporto sessuale, si debba effettuare al terzo mese; ebbene sappiamo che in questa età il vaccino è più efficace ed il rischio di essere un “non responder” cioè di non sviluppare anticorpi dopo il vaccino, è molto piccolo, mentre tale rischio aumento molto nei ragazzi e negli adulti: quindi prima si inizia minori sono i rischi e maggiori sono le possibilità di avere una buona protezione 

 

Letto ? Ci vediamo martedi, parleremo delle vaccinazioni del bambino di un anno.

 

wiw

 

Contatti

F.I.M.P
Federazione Italiana Medici Pediatri
Progetto B-Free

Via Parigi 11 scala A int. 105
00185 - ROMA
Tel. 06 44202575
Fax: 06 62204732
www.fimp.pro

Seguici

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinShare on Google+
Pin It