Piano Nazionale Vaccini e DL Obbligo

Piano Nazionale Vaccini e DL Obbligo

Il decreto vaccini è passato al Senato con 171 voti il 19 luglio e passa adesso all'esame della Camera per essere convertito in legge entro il 6 agosto.
Ecco le principali novità del testo votato in Senato, rispetto a quello originale uscito dal Consiglio del ministri.

Vaccini obbligatori. Per iscriversi a scuola bisognerà avere 10 vaccini (erano 12), mentre per altri 4 è prevista un'offerta attiva e gratuita. Le 10 vaccinazioni obbligatorie sono quelle contro poliomielite, tetano, difterite, epatite B, Haemophilus influenziae B, pertosse, morbillo, parotite, rosolia e varicella. Sei dei 10 vaccini obbligatori saranno somministrati in formulazione esavalente (poliomielite, tetano, difterite, epatite B, Haemophilus influenziae B e pertosse), gli altri 4 in tetravalente (morbillo, parotite, rosolia e varicella). Per questi ultimi è prevista l'obbligatorietà per 3 anni, con successiva verifica del raggiungimento della copertura di sicurezza. Le 4 vaccinazioni offerte attivamente sono quelle contro meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotavirus. In questo modo diventano 14 i vaccini inseriti nel decreto.
Sanzioni. Per i genitori che non vaccinano i figli, ci saranno sanzioni più basse. Il tetto massimo scende da 500 a 100 euro. Le sanzioni saranno modulate in base alla gravità dell'infrazione. Cade il riferimento al rischio di perdere la patria potestà.

Farmacia e Anagrafe. E' prevista la possibilità in via sperimentale di prenotare le vaccinazioni nelle farmacie convenzionate attraverso il Centro unificato di prenotazione (Sistema Cup). Viene anche istituita l'Anagrafe vaccinale nazionale, che registrerà la vita vaccinale degli italiani, per ricostruire i vaccini effettuati, i richiami da fare e individuare chi non può sottoporsi alla profilassi. Viene inoltre rafforzata la farmacovigilanza per la rilevazione degli eventi avversi legati ai vaccini, ma anche i danni della mancata vaccinazione.

Gli obblighi. E' riconosciuta la possibilità anche agli operatori scolastici, operatori socio sanitari e operatori sanitari di presentare una autocertificazione attestante la copertura vaccinale. L'obbligo di vaccinazione è esteso anche ai minori stranieri non accompagnati.

Dose singola. Viene introdotta la possibilità di procedere alla vaccinazione monocomponente. Il soggetto immunizzato adempie all'obbligo vaccinale, di norma e comunque nei limiti delle possibilità del Servizio sanitario nazionale, con vaccini in formula monocomponente o combinata in cui sia assente l'antigene per la malattia infettiva per la quale sussiste l'immunizzazione. Le procedure accentrate d'acquisto dei vaccini obbligatori dovranno riguardare anche i vaccini in formato monocomponente. Annualmente l'Aifa dovrà pubblicare sul suo sito i dati relativi alla disponibilità dei vaccini in formula monocomponente o combinata.
A questo link le schede di riepilogo aggiornate
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2610_allegato.pdf

Storie di vita vissuta

Nel 2003 i Pediatri di famiglia della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) si resero conto che in Italia in campo vaccinale, c’era una situazione di grande eterogeneità, infatti ogni regione si comportava a modo proprio e quindi se un bambino era fortunato nel nascere in una zona virtuosa aveva assicurate molte opportunità di salute, se invece non lo era rischiava di ammalarsi. A Firenze esistevano possibilità diverse a seconda che si abitasse al di qua o al di là dell’Arno. Era necessario cercare di raggiungre un comportamento omogeneo in tutta Italia, ma le Istituzioni non erano in grado di farlo.
In quell’anno il Presidente della FIMP (Dott. Pier Luigi Tucci) fondò la rete vaccini che, coordinata dal Dott. Gian Pietro Chiamenti, ha un rappresentante in ogni regione. Nella prima riunione nazionale fu proposto che almeno i pediatri di famiglia dovevano poter avere e proporre ai propri assistiti un calendario vaccinale uguale in tutta la Nazione.(fig.1)

piano
La cosa suscitò scalpore tanto che il Ministro della salute (On. Sirchia) sostenne l’iniziativa e coinvolse la Pediatria di famiglia sia nella Commissione nazionale vaccini che in quella per l’influenza.
La FIMP si rese conto che un calendario vaccinale, per essere autorevole, doveva essere condiviso con le più importanti Società scientifiche e promosse la formazione del Board dei vaccini per la Vita: un team di esperti in campo vaccinale facenti parte della SIP (Società Italiana di pediatria) SiTi (Società Italina di Igiene) Fimmg (federazione nazionale medici di famiglia) e FIMP. Questo board dal 2010 pubblica annualmente un calendario vaccini e lo aggiorna sulla base delle evidenze scientifiche, delle mutate situazioni epidemiologiche e della disponibilità di nuovi vaccini.

Gioie

L’ultimo calendario pubblicato è stato recepito nel Piano Nazionale vaccini 2017-2019, che quindi finalmente rappresenta il pensiero di tutti noi.

piano2

E che è stato addirittura pubblicato nella prestigiosa rivista Vaccine e finalmente garantisce ai cittadini le stesse possibilità preventive in tutta Italia superando le differenze locali. http://www.igienistionline.it/docs/2017/28vaccine.pd
Le vaccinazioni previste sono quelle che garantiscono la migliore opportunità di salute e quindi vanno effettuate. Il Piano nazionale a mio parere doveva essere quindi preso a modello per la stesura delle legge sull’obbligo.

Dolori

Noi pediatri abbiamo sempre privilegiato il fatto che convincere è meglio che costringere, ma vista la situazione attuale, di riduzione delle coperture vaccinali approviamo la nuova legge. Certo ci avrebbe fatto piacere che si potesse superare una volta per tutte la distinzione tra vaccinazioni obbligatorie e raccomandate: a nostro parere le vaccinazioni contenute nel PNV sono tutte da effettuare.
Inoltre riteniamo che la ricerca abbia fatto molti passi avanti con la preparazione di vaccini combinati e il dover tornare indietro con la preparazione di vaccini a monocomponenti sia deleterio anche se potrebbe rispondere a situazioni particolari.

 

Contatti

F.I.M.P
Federazione Italiana Medici Pediatri
Progetto B-Free

Via Parigi 11 scala A int. 105
00185 - ROMA
Tel. 06 44202575
Fax: 06 62204732
www.fimp.pro

Seguici

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinShare on Google+
Pin It